Avrete sicuramente letto dell'incredibile innovazione sul lato fotografico apportata da Xiaomi, prima, e da Google, dopo. Il sensore fotografico Sony IMX378 a bordo di Mi5s (in offerta su Smartylife) e dei nuovi Pixel si presenta come il sensore fotografico più grande mai realizzato per uno smartphone.
Ma adesso siamo pronti a presentarvelo in tutti gli aspetti.

Premessa. Questo articolo non vuole essere il solito teardown ma vogliamo cercare di illustrarvi nel dettaglio tutte le innovazioni apportate da questo sensore.

sony sensore foto IMX378

Sensori fotografici? No problem. Vi illustriamo il Sony IMX378

Partiamo dalla retroilluminazione, caratteristica ormai "di serie" sulla stragrande maggioranza dei sensori fotografici degli smartphone degli ultimi tempi.

Come potete vedere dall'immagine, permette di ricevere e di acquisire maggiori quantità di luce senza dover "darla vinta" al rumore eccessivo.
(Per i meno esperti, il rumore è quell'effetto grana che si vede spesso nelle nostre foto in notturna)

bsi-cmos-sensore-foto-sony-imx378

Quello di Sony però si distingue dai classici sensori retroilluminati per una ragione molto importante. Mentre sulle fotocamere compatte e professionali, e quindi con sensori meno modesti, questa innovazione era già presente, ingrandire le dimensioni di un sensore retroilluminato su smartphone era una impresa mai tentata in precedenza.

La tecnologia retroilluminata ha permesso quindi a Sony di posizionare il sensore circuitale allo stesso livello dello strato di supporto. Cosa ha comportato questo? Una riduzione delle dimensioni dei sensori d'immagine. In sostanza, sensori più grandi occupano lo stesso spazio dei sensori precedenti, più ridotti.

bsi-cmos-sensore-foto-sony-imx378

Sensore Sony IMX378 | PDAF (Phase Detection AutoFocus)

L'introduzione del PDAF permette di mettere a fuoco un soggetto sfruttando le differenze di intensità luminosa. Parliamo come mangiamo? In pratica il sensore riconosce se il soggetto è a fuoco o meno a seconda dell'intensità della luce riflessa dal soggetto rispetto al punto di messa a fuoco.
Piccolo excursus: naturale evoluzione di questa tecnologia è stata la Dual Pixel DAF a bordo dell'S7 in cui il singolo pixel del sensore è capace di autoregolarsi a seconda dei livelli di luce.

phase-detection-autofocus-pdaf-bsi-cmos-sensore-foto-sony-imx378

Sensore Sony IMX378 | High Frame Rate

Più complicato a dirsi che a farsi questo aspetto..
Il nuovo sensore Sony ha permesso di introdurre i 120 Hz nella registrazione video FULL HD a 1080p ma.... è già proiettato al futuro perché è stato realizzato in modo da permettere anche la registrazione FULL HD a 240 Hz.
In termini pratici e visibili all'occhio dell'utente, questa novità ha permesso l'introduzione e lo sfruttamento efficace della tecnologia HDR+.

L'evoluzione dell'HDR (High Dynamic Range) sul nuovo sensore IMX378: SME-HDR

Un piccolo accenno a quella che era la caratteristica classica dell'HDR: due o più immagini, a diversa esposizione, sovrapposte in modo da compensare i vuoti di luce o i vuoti di ombra.

Qual era il problema? Per scattare più foto ci vuole del tempo e si rischia di avere delle fotografie leggermente diverse con un effetto indesiderato.
Allora vediamo cosa ha realizzato Sony, anche se ovviamente gli innovatori non hanno fornito i dettagli specifici di una tecnologia che potrebbe rivoluzionare il mondo fotografico.

Abbiamo cercato di scoprire quanto più possibile per voi e abbiamo scoperto che la nuova tencologia è un'evoluzione del metodo dell'esposizione variabile nello spazio.
Più livelli di esposizione su un sensore RGBG garantiscono una perdita di risoluzione spaziale pari a solo il 20% attraverso uno scatto singolo direttamente in HDR.

Insomma la nuova SME-HDR technology permette di scattare una foto in HDR a massima risoluzione e al massimo frame rate supportato dal sensore.

spatially-varying-exposure-sme-hdr-rgbg-sony sensore foto IMX378

Speriamo di aver fatto cosa utile pubblicando questo articolo "districante": tutti hanno accennato all'innovazione di Sony ma pochi, se non nessuno, aveva ancora trattato l'argomento.

Felici di averlo trattato per voi, vi ricordo di seguire il blog di Smartylife e di iscrivervi al nostro canale news di telegram per ricevere in anteprima le nostre news e ....non solo!

[Via]