Ecco una nuova recensione realizzata per i lettori di Smartylife! Questa volta parliamo del fantomatico Meizu MX4, smartphone che, grazie alle sue caratteristiche tecniche, ha surclassato in termini di potenza tutti i suoi rivali, posizionandosi al primo posto di tutte le classifiche di benchmark. Il dispositivo in questione è stato nominato addirittura “Re di Antutu”, ma avrà meritato a pieno titolo questa onorificenza? Cerchiamo di scoprirlo insieme!Meizu-MX4-Ufficiale

Prima di cominciare, come di consueto, vi ricordo che il Meizu MX4 è disponibile sullo store di Smartylife a questo link, con spedizione DHL dalla Cina inclusa nel prezzo e 24 mesi di garanzia.

Meizu MX4, la recensione di Smartylife.net  

Design, materiali ed ergonomia

Quando ho impugnato per la prima volta questo terminale ho subito avuto la sensazione di avere tra le mani un dispositivo premium. I bordi taglienti lucidi, il display nerissimo e la sensazione al tatto datami dai suoi materiali mi hanno confermato quello che ormai pensavo da tempo ma che purtroppo non avevo mai avuto modo di appurare: Meizu vuole diventare grande, e con questo MX4 ci sta riuscendo alla grande.

IMG_20150611_190012

Ecco come si presenta questo smartphone. Sul lato superiore troviamo il tasto accensione, il microfono per la riduzione dei rumori e l’ingresso jack per il collegamento degli auricolari. Sul lato inferiore troviamo invece l’ingresso micro-USB per la ricarica, il microfono principale e l’altoparlante di sistema.

IMG_20150611_190637 IMG_20150611_190401

Il lato destro è completamente vuoto mentre su quello sinistro trova alloggiamento il bilanciere del volume.

IMG_20150611_190655 IMG_20150611_190713

Nella parte posteriore troviamo in basso il logo “Meizu”, mentre in alto, in posizione centrale, la prestante fotocamera Sony da 20.7 megapixel corredata da doppio flash LED a due colori.

IMG_20150611_190306

Nella parte frontale troviamo invece il bellissimo display dalle dimensioni inusuali di 5.36 pollici, la capsula auricolare, la fotocamera anteriore e i sensori di luminosità e prossimità in alto, ed il tasto home soft touch in basso che funge anche da tasto di navigazione "back" quando su di esso si fa swipe verso l'alto.

IMG_20150611_190803

Come detto prima i materiali utilizzati nella realizzazione di questo telefono danno assolutamente una sensazione di qualità: la cover posteriore è realizzata in policarbonato mentre i profili laterali sono realizzati in una particolare lega di magnesio che riesce a garantire una notevole robustezza ed un buon grip in mano.  Le dimensioni dell’MX4 sono di 144.0 x 75.2 x 8.9 mm, mentre il peso, che risulta essere ben distribuito, è di 147 grammi, batteria non removibile inclusa.

IMG_20150611_190903

Hardware

Come anticipatovi nell’introduzione il Meizu MX4 è un “mostro” in termini di potenza. Ecco un riassunto delle sue caratteristiche tecniche:

  • Display da 5.36 pollici in risoluzione full-HD+ (1920 x 1152) con densità di pixel di 418 ppi;
  • SoC MediaTek MT6595 (modificato da Meizu), una CPU octa-core a 32-bit realizzata con tecnologia big.LITTLE ed operante alla frequenza massima di 2.0 GHz;
  • 2 GB di RAM dual-channel LPDDR3 e 16/32 GB di memoria interna;
  • Fotocamera posteriore da 20.7 megapixel ed anteriore da 2 megapixel;
  • Batteria da 3100 mAh.

Ho stressato per bene questo smartphone effettuando anche test di benchmark e sessioni di gaming ottenendo dei risultati più che soddisfacenti. D’altro canto però, questi test hanno messo anche in evidenza alcuni difettucci, o meglio alcuni aspetti che potrebbero essere migliorati con futuri aggiornamenti. Procediamo con ordine. Vi propongo intanto alcuni screenshot direttamente dal test realizzato su Antutu: l’MX4 ha totalizzato un totale di 49247 punti posizionandosi addirittura davanti a…se stesso! Il titolo di “Re di Antutu” è pienamente meritato!

S50623-083408 S50623-083359

Si è comportato altrettanto bene nella sessione di gaming facendo “girare” al massimo anche Real Racing 3, un gioco che come sappiamo è molto oneroso in termini di risorse hardware. Ed eccoci arrivati al primo difetto di questo terminale: il processore scalda molto! Durante la sessione di gioco, come anche nella navigazione in internet tramite 3G o 4G, la parte superiore del telefono ha raggiunto temperature davvero alte, portandomi in alcune occasioni anche ad allontanare la mano per il fastidio provato. Insomma un problemino non di poco conto che sicuramente può essere risolto con un futuro aggiornamento atto ad ottimizzare l’uso del processore.

Per il resto niente da dire sul comparto hardware, il Meizu MX4 è sicuramente promosso sotto questo aspetto.

Due parole sul display prodotto da Sharp/JDI e protetto da vetro Gorilla Glass 3 che sfortunatamente trattiene in modo esagerato le impronte digitali. Come anticipatovi prima è un pannello dalle dimensioni inusuali di 5.36 pollici con risoluzione di 1920 x 1152 pixel, risoluzione ribattezzata da Meizu come “full-HD+”. La qualità del display è davvero ottima: la luminosità massima è impressionante, così come lo sono la fedeltà e la brillantezza dei colori. La visibilità è molto buona anche sotto la luce diretta del sole, anche se il sensore di luminosità funziona un po’ a scatti. Ho notato invece dei colori sotto tono quando la luminosità è impostata al minimo, sembra quasi che manchi la retroilluminazione.

Concludo questo paragrafo parlando della batteria che, diciamolo, non è proprio gestita al meglio. A dire il vero inizialmente l’autonomia era proprio scarsa, ma dopo alcuni cicli di ricarica è migliorata notevolmente. Il terminale è riuscito a raggiungere le 10 ore di funzionamento con poco più di 4 ore di schermo acceso. Questi risultati sono stati ottenuti con la modalità “bilanciata”, ovviamente l’autonomia sarà leggermente peggiore o migliore a seconda che si scelga la modalità “prestazioni elevate” o “risparmio energetico” rispettivamente.

S50622-194507S50622-194521

Audio e video

Oltre alla fotocamera, l’audio è uno dei punti di forza di questo smartphone. Quello di sistema, impostato al massimo risulta essere davvero alto, senza perdere però in qualità. Ottimo anche quello in capsula e quello negli auricolari.

Per quanto riguarda i video, posso dirvi che la fotocamera posteriore è in grado di registrare filmati alla risoluzione massima di 4k ed anche in slow-motion a 120 fps. Vi assicuro che potreste divertirvi molto sotto questo punto di vista.

Wifi, Bluetooth, GPS e connettività di rete

Per quel che riguarda la connettività Wifi non ho riscontrato alcun problema anche se confrontando la ricezione con un Huawei Ascend P7 ho notato che quest’ultimo è riuscito a scovare molte più reti: forse la ricezione dell’antenna Wifi dell’MX4 non è proprio delle migliori.

Bluetooth 4.0 funzionante egregiamente, come anche il GPS che, dopo un leggero ritardo nell’aggancio dei satelliti a freddo, si è dimostrato molto preciso ed affidabile.

Infine, per quel che riguarda la connettività di rete, posso dirvi che la potenza del segnale è davvero ottima. Vi ricordo che il Meizu MX4 è un dispositivo single-SIM dotato di connettività LTE, e dove presente, non ho riscontrato alcun tipo di problema con la connessione 4G di TIM.

Fotocamera

Niente di particolare la fotocamera anteriore che, come anticipatovi prima è un unità da 2 megapixel. Degna di nota è invece la fotocamera posteriore dotata del sensore Sony IMX220 Exmor RS, sensore dalla risoluzione di 20.7 megapixel che permette di catturare foto dalla qualità eccezionale…ovviamente a chi è in grado di sfruttare al meglio le sue potenzialità. Di certo questo non è il mio caso, ma eccovi lo stesso una serie di foto realizzate con questo terminale.P50619-092841 P50619-093138 P50610-132651 P50622-191443

Software

A bordo del Meizu MX4 troviamo il sistema operativo Android con la ormai divenuta famosa personalizzazione proprietaria FlyMe. Analogamente ad altre personalizzazioni come MIUI o EMUI anche questa FlyMe si è dimostrata essere una personalizzazione molto completa. Sono presenti molte funzionalità per la gestione e la sicurezza del dispositivo come la personalizzazione dei profili di risparmio energetico e come un’app dedicata alla ricerca di virus od alla gestione dei permessi.

S50622-191935

Nonostante ciò, la FlyMe ha ancora molta strada da percorrere per arrivare ai livelli delle sue concorrenti: è una ROM ancora acerba, specialmente nelle traduzioni nella nostra lingua.

Infine trovo che Meizu con questo suo OS abbia snaturato quella che è la natura open source di Android, imponendo alcune limitazioni sia nell’esperienza di modding leggero, come ad esempio i permessi di ROOT, sia per quanto riguarda il modding più estremo come sblocco di bootloader e cambio di ROM.

Ecco una serie di screenshot che vi daranno un assaggio grafico della Flyme.

S50623-202253 S50623-202212 S50623-202311 S50623-202320

Conclusioni

Devo ammettere che ho cominciato a testare questo terminale con grande entusiasmo, entusiasmo che è andato pian piano scemando dopo un po’ di tempo di utilizzo. Alcuni difetti riscontrati come il surriscaldamento eccessivo o la iniziale scarsa durata della batteria mi hanno portato a pensare che il Meizu MX4 non fosse un telefono da consigliare. Fortunatamente ho dovuto ricredermi: questo terminale mi ha offerto un’ottima esperienza di utilizzo ed ha saputo pian piano conquistarmi. Quindi assolutamente consigliato!

  • http://www.miuinews.com/meizu-mx4-la-recensione-di-smartylife-net.html Meizu MX4: la recensione di Smartylife.net - MIUI News

    […] via | Sm@rty […]

  • Federico Maggiore

    Credo (potrebbe dipendere dal fatto che leggo da smartphone) che ci siano presenti degli errori nelle caratteristiche tecniche:
    Schermo da 36" (ci arriveremo di questo passò, ma per adesso è presto)
    Fotocamera da 7 megapixel (risoluzione insolita)
    Tecnologia processore big.LITTLE immagino.

  • http://www.bestcartierlovebracelet.com/es/ pulseras de cartier

    <strong>pulseras de cartier</strong>

    I love the efforts you have put in this, regards for all the great content.