Qual'è l'ultima moda in fatto di tecnologia? Lo smartwatch? Superato! Il display Ultra HD? Antichi! Lo smartphone flessibile? Desueti!
La vera rivoluzione è arrivata...lo smartphone MODULARE!
I nostalgici non crederanno ai loro occhi, la possibilità di tornare a a giocare con i LEGO e costruirsi lo smartphone dei propri sogni.

L'idea è semplice: combinare componenti diversi per costruirsi e personalizzarsi il proprio smartphone.

  • Fotocamera da 8 o da 13mpx?
  • 1,2,3GB di RAM?
  • Processore Mediatek o Snapdragon?
  • Batteria da 2000 o 3000mpx?

Rumors vogliono che moltissime case siano pronte a rilasciare il proprio smartphone modulare. Una su tutte la nostra amata Xiaomi.

xiaomi_modulare

xproject-ara

Ma personalmente mi sono fatto qualche domanda:

  • Se i case unibody e le batterie integrate permettono un maggiore sfruttamento degli spazi a beneficio di batterie più capienti e spessori sempre più ridotti, quanto spazio verrà "sprecato" da un complesso sistema di incastri?
  • Per quale motivo dovrei preferire un "modulo fotocamera da 8mpx" se ne è disponibile uno da 13mpx? Prezzo?
  • Gli smartphone modulari di "oggi" saranno compatibili con moduli "futuri"? O ci sarà bisogno di nuove basi modulari?

Questo articolo non è e non vuole essere una news, vuole essere uno spunto di riflessione.
Voi, cosa ne pensate del possibile avvento di questi "smartphone modulari"?

Parliamone insieme...

  • Posted on 10 dicembre 2013
  • Luigi B. Cristiano

    L'idea della modularità è derivata direttamente dalla vecchia concezione di "espandibilità" dei Personal Computer. Ad esempio. Hai bisogno di più ram, ce la metti. Hai bisogno di un masterizzatore Blueray, lo sostituisci, vuoi fare un upgrade della CPU, all'interno della stessa famiglia di socket supportati dalla tua scheda madre lo puoi fare. Le possibilità sono veramente infinite.
    La personalizzazione di un PC o di uno SmartPhone è una idea a mio avviso vincente, a patto che le "basi" ovvero le motherboard di base siano pensate per durare nel tempo.
    Nell'universo della telefonia mobile ad esempio, un oggetto del genere ti permetterebbe di aggiornare il tuo Smatpone a nuove tecnologie di trasmissione (da 3g a 4g) senza dover cambiare terminale e sicuramente il costo di un modulo sarà nettamente inferiore al prezzo di un terminale completamente nuovo.
    Quindi sì sarei interessato a un oggetto del genere, cosa me ne faccio di una fotocamera da 13 megapixel se l'uso che ne faccio è tendenzialmente quello di utilizzarlo per la pura e semplice telefonia, la differenza di costo potrebbe essere compensata dall'acquisto di una batteria più potente, o di un modulo LTE.
    Molto importerà la qualità costruttiva e la solidità dell'assemblaggio dei blocchi.
    Ancora una volta sarà la qualità che farà la differenza.
    Siamo ad una svolta, le vendite dei laptop sono in caduta libera, e chi ha più un desktop in casa? Ok, io ma perché me li costruisco. I tablet hanno soppiantato totalmente i PC per le funzioni di navigazione, messaggistica e word processing.
    Unico limite per il passaggio e il declino dei tablet a favore degli smartphone è la grandezza del display.
    Il primo che integrerà la possibilità di replicare il display su TV o Monitor e inserirà una tastiera laser da proiettare su un piano decreterà l'inizio della fine dei tablet.
    Questo purtroppo, se da un lato ci semplifica la vita e ci fa scegliere quello che effettivamente ci serve, è anche un indice della regressione nella conoscenza informatica della maggioranza degli utilizzatori finali.
    Chi usa ora un PC o uno Smartphone ha una conoscenza delle "macchine" infinitamente minore di noi vecchi hacker reduci dal Vic 20 e dai primi processori 8080.

  • Darkman

    io in 2 case ho in totale 9 desktop e 2 portatili, e non sono un informatico.
    il concetto si espandibilità così come lo ha esposto luigi a mio avviso non fa una piega, anzi, è spiegato eggreggiamente.
    ma da quanto ho visto negli ultimi anni bisogna sempre vedere dalla notizia alla realtà tangibile cosa cambia.
    lato pc, il peggior gap di un upgrade è legato alla scheda madre. se essa risulta troppo vecchia un upgrade risulterebbe più costoso dell'acquisto di un nuovo prodotto. inoltre circa il 60% di possessori di pc raramente guarda a questo mondo (purtroppo).
    lato mobile, l'idea è ottima. ma c'è a mio avviso un però:
    se tale "modularità" sarà la rivoluzione, tale dovrà essere per tutti, altrimenti saremo sempre allo stesso punto. già i big ci han messo anni per decidersi (seguito pressioni) a iniziare a standardizzare gli spinotti dei caricabatterie... immaginiamo il tempo che impiegheranno a mettersi tutti d'accordo....

    lo ammetto, la mia affermazione è un poco polemica, ma nonostante la mia relativa giovane età purtroppo ne ho viste e sentite tante di rivoluzioni tecnologiche...
    altra cosa che mi viene in mente ora, lato hardware ok, ma lato software? diventerà tutto open source o ognuno, in base alla piastra madre si appoggerà a determinate soluzioni proprietarie?
    darkman

  • lordoftech_it

    Senza dilungarmi troppo: io adoro l'idea dello smartphone modulare! ad esempio: io non vado in cerca di fotocamere super performanti, quindi potrei mettere una 5mpx e lasciare spazio ad uno schermo o batteria con capienza maggiore, o una cpu più potente!
    Poi se Xiaomi decide di costruire uno smartphone modulare siamo a cavallo!!
    Bella discussione :)

  • Darkman

    sono tanti i nodi da sciogliere solo per questa "notizia". e purtroppo finchè non se ne saprà di più potremmo discutere all'infinito. confermo comunque che sono anch'io a favore del mobile modulare, ma a patto sia fatto come si deve e da tutti. se sarà realmente così ognuno al mondo avrà il suo smartphone personale, diverso da ogni altro (il che pare un'assurdo parlando di modularità e quindi standardizzazione).
    per i software personalmente spero aprano nuovi progetti completamente open source, almeno lato mobile. capisco che ogni azienda ha i suoi interessi, ma a mio avviso ci vorrebbe un approccio completamente diverso da quello che c'è ora...
    ci manca solo che per un telefono modulare mi ritrovo dentro un clone di win 2000 dove bisogna litigare per reperire i driver per far funzionare questo o quel modulo.
    servono nuove piattaforme espressamente studiate per quel settore.e con l'open source le implementazioni possono diventare infinite.
    @luigi, a dirla tutta li uso quei pc,e vanno da un vecchio p3 a un i7 sandy (rigorosamente tutti assemblati)

  • Alessandro Cimino

    Devo dire che la discussione sta assumendo "livelli" notevoli.
    Mi fa piacere di avere lettori così profondi... :)