Pensavamo potesse essere lanciato insieme allo Xiaomi Redmi Note 4, ma evidentemente i fatti non ci hanno dato ragione. Sto parlando del piccolo Redmi 4, device che ha di recente ricevuto la certificazione TENAA e che quindi potrebbe essere lanciato a breve.

Redmi 4: in arrivo l’ennesimo Xiaomi?

Data la politica di marketing di Xiaomi, alquanto discutibile tra l’altro, non c’è da stupirsi del fatto che in rete si parli già da tempo del successore dei vari Redmi 3, 3 Pro e 3s.

Sto parlando dello Xiaomi Redmi 4, il futuro entry level della compagnia cinese che proprio nelle ultime ore ha ricevuto la famosa certificazione TENAA che ormai tutti sappiamo essere necessaria prima di immettere un device nel mercato.

xiaomi redmi 4 specifiche design certificazione tenaa

L’esperienza ci insegna che tra la certificazione e la presentazione del terminale non dovrebbe trascorrere molto tempo, quindi è plausibile che nelle prossime settimane vedremo la già folta famiglia di dispositivi Redmi accogliere tra le sue schiera un nuovo membro.

Per ora nessuna comunicazione ufficiale da parte di Xiaomi, ma la sorpresa, se così possiamo definirla, potrebbe essere benissimo dietro l’angolo.

Xiaomi Redmi 4: ecco le specifiche del device certificato!

Come sappiamo, una certificazione TENAA non può essere considerata completa, se a seguito delle immagini non vengono riportate anche le specifiche del terminale in oggetto. Fortunatamente, oggi siamo in grado di riportarvi le informazioni del caso nella loro interezza.

xiaomi redmi 4 specifiche design certificazione tenaa

Secondo l’ente di certificazione, lo Xiaomi Redmi 4 è un device caratterizzato da un display dalla risoluzione full HD (non viene specificata la diagonale ma penso si tratti di un 5 pollici).

3 GB e 32 GB sono rispettivamente i tagli di RAM e di memoria interna, una dotazione sicuramente appetibile per un device che dovrebbe essere proposto ad un prezzo base di 699 Yuan (circa 100 euro), ma purtroppo non ci è dato sapere se quella certificata sia la variante base del terminale o meno.

Chiude il quadro un non precisato processore la cui frequenza di clock è quella di 1,8 GHz. Potrebbe trattarsi, secondo i più, del chip Mediatek Helio P10, ma non sono da escludere anche quelle voci secondo le quali possa trattarsi dello Snapdragon 625 recentemente visto sui nuovi Huawei Nova.

Mi piacerebbe essere più preciso, ma sfortunatamente, per il momento, dovete accontentarvi di questo. Appuntamento quindi al prossimo aggiornamento, che per come si stanno mettendo le cose, di certo non tarderà ad arrivare!

[Via]