Xiaomi è il più grande produttore di smartphone cinesi, al momento. Come abbiamo ribadito negli articoli precedenti, questa azienda è cresciuta molto velocemente, diventando in soli 5 anni l'OEM numero uno in Cina.

Detto questo, Xiaomi ha lanciato un bel paio di dispositivi quest'anno, ed è anche diventato un MVNO (operatore virtuale di rete mobile). Xiaomi si diletta in poche parole in tutto! Davvero strepitosa come azienda, non lo credete anche voi?

 

Xiaomi

Xiaomi

 

Ultimamente, sembra che Xiaomi ha ricevuto accuse dalla Cina, ed ora si trova ad affrontarle. La società è sotto inchiesta per violazione della nuova legge sulla pubblicità che effettua. Secondo le voci che circolano, questa legge vieta in sostanza l'uso di superlativi per la promozione dei loro prodotti su spot, manifesti, banner e altre varie forme. La commissione per l’industria e per il commercio di Pechino ha notato che l'azienda in questione ha violato questa disposizione nel lancio di un dispositivo, descrivendolo come "il migliore" come prezzo e caratteristiche.

 

Xiaomi
Questa legge è fresca fresca, infatti, è entrata in vigore il 1° Settembre. Un mese fa! Quindi, pare che Xiaomi sia stata la prima azienda a testare le conseguenze di questo nuovo diritto che, anche se a noi potrebbe sembrare inutile, in Cina stanno prendendo molto seriamente.

 

Xiaomi
Ricordo che sono solo voci di corridoio, ma nel caso dovessero venir confermate non esiteremmo certamente a comunicarvelo.

 

[Fonte]

  • http://www.miuinews.com/xiaomi-sotto-accusa-violata-legge-sulla-pubblicita.html Xiaomi sotto accusa: violata legge sulla pubblicità! - MIUI News

    […] Xiaomi sotto accusa: violata legge sulla pubblicità! sembra essere il primo su […]

  • darkman

    ricordo che ai tempi da noi si parlò della liberalizzazione della pubblicità comparativa (prima andavano solo i superlativi, ora si possono usare comparandoli con altri prodotti, il colmo a mio avviso...).
    asrebbe interessante leggere quanto decreta la nuova legge cinese, giusto per capire cos comporta ai trasgressori.
    credo comunque che lato consumatore (quantomeno quello italiano, che poco o nulla ha a che fare con la pubblicità fatta in cina) non avrà alcun tipo di problema.
    piuttosto dovremmo guardarci dalle nostre, al 95% ingannevoli e tendenziose (tv inclusa)