Xiaomi Mi Max 2, vi racconto la recensione di Bob Hax

Xiaomi Mi Max 2: dov’è finita la più economica variante da 32 GB?

È grande questo Xiaomi Mi Max 2, e lo si intuisce a partire dal nome. Per la gran parte di voi non è neppure una notizia. Anzi, se siete qui con ogni probabilità state cercando proprio uno smartphone dalle dimensioni extralarge o lo possedete già. 211 grammi di peso, 174.1 mm di lunghezza, 88.7 di larghezza e 7.6 di spessore. Per intenderci uno Xiaomi Mi 6 è largo 70.5 mm, un Samsung Galaxy S8 Plus – la cui comparazione è una forzatura per via del form factor diverso – arriva a 73.4 mm, nonostante il display da 6.2 pollici.

 

Già, il display. Iniziamo proprio dal motivo per cui si può chiudere un occhio sulle dimensioni. E’ un IPS da 6.44″ con risoluzione Full HD e 342 ppi dai colori naturali e bilanciati, con una buona taratura del bianco e neri “da IPS”. La qualità c’è e risulta evidente come Xiaomi abbia lavorato su questo aspetto, regalando al Mi Max 2 un boost qualitativo rispetto al modello dello scorso anno. Ottima la luminosità anche sotto la luce diretta del sole.

Se il design è soggettivo la qualità costruttiva non lo è. E questo Mi Max 2 sfoggia ottimi materiali e finiture. Tuttavia il single frame in alluminio, per quanto piacevole, rende lo smartphone scivoloso: quasi obbligatoria una cover. Non agevola l’usabilità il sensore biometrico, scomodo da trovare col dito perché posto un po’ troppo in alto. Una volta individuato lo sblocco è rapido e preciso.

Presentato il nuovo Xiaomi Mi Max 2

Sempre sul retro troviamo la fotocamera principale da 12 megapixel con apertura f/2.2 affiancata da un doppio flash LED. Buona la qualità degli scatti con tanta luce, aumenta invece il rumore al calar della sera. Senza infamia e senza lode i selfie della fotocamera anteriore da 5 megapixel. Discreti i video in 4K: va bene la messa a fuoco, meno la stabilizzazione digitale. Malgrado le prestazioni non esaltanti, per Bob il Mi Max 2 migliorerà con le ROM di Xiaomi.eu.

In tema multimediale non può mancare un parere sull’audio, complessivamente di buon livello sia in capsula che dallo speaker. I 64 GB di memoria interna possono essere ampliati tramite Micro SD a patto di rinunciare al secondo slot per la nano SIM. Assente l’NFC ma non la porta a infrarossi.

Presentato il nuovo Xiaomi Mi Max 2

Un display così ampio è da preferire se si naviga o gioca tanto e grazie allo Snapdragon 625 octa-core da 2 GHz spippolerete sul web all’insegna della fluidità. La GPU Adreno 506 invece si occupa di rendere appaganti e prive di lag le vostre sessioni di gioco, pure su titoli impegnativi come Real Racing 3.

Sessioni ludiche potenzialmente infinite grazie ai 5300 mAh di questo Xiaomi Mi Max 2 e al processore parco nei consumi. Bob è riuscito ad ottenere più di 7 ore di display acceso: il rischio è che la stanchezza prenda il sopravvento prima che la batteria sventoli bandiera bianca.

Per concludere, un parere su Xiaomi Mi Max 2

La sola criticità emersa durante il test riguarda l’assenza della banda a 800 MHz, non una novità per chi segue da vicino gli smartphone cinesi. Il resto si può riassumere in una sola parola: equilibrio. E con un display da 6.44″ questo Xiaomi Mi Max 2 può essere il “due in uno” che stavate cercando: telefono di giorno, tablet la sera. A patto di riuscire a convivere con le sue dimensioni, certo. Ma questa, in fondo, è un’altra storia.

Possessori di Mi Max 2 siete d’accordo con le opinioni di Bob Hax? E voi che ancora non lo possedete perché non andate a guardarlo sul nostro shop? Tutti gli smartphone in catalogo sono coperti da garanzia Italia e il ritiro gratuito a casa per i primi 12 mesi!


Vi ricordo che potete seguirci su:

Commenti

commenti